• Pubblicata il
  • Autore: Magellano
  • Pubblicata il
  • Autore: Magellano

Cen Win - Agrigento Trasgressiva

La storia che sto per raccontarvi è realmente accaduta al sottoscritto, e come potrete capire quando leggerete vi renderete conto che non si tratta della solita storia inventata presente in questo sito. Tre mesi fa, con un gruppo di amici siamo andati a mangiare in un ristorante cinese vicino Bologna. Il servizio al nostro tavolo era curato da una grazziosa cinesina, Cen Win è il suo nome per l'anagrafe. La classica divisa da cameriera, gonna al ginocchio e camicetta bianca, le donava molto e metteva in rissalto le sue forme esili, ma eleganti. I suoi lineamenti non facevano trasparre la sua giovane età, 23 per l'esatezza. Tra un antipasto e un riso alla cantonese la cena andava liscia, con gli amici si rideva e si trangugiava quella sorta di birra cinese, che non sa di niente, finche Cen Win, inciampo e mi inzuppo i vestiti con una bella zuppa di maile in agrodolce. Sinceremente mi incazzai per l'accaduto e mentre lei si adoperava per ripulirmi dai pezzi di maiale e cipolla, arrivo il titolare del ristorante che si infurio con la ragazza è la spedi in cucina. Il signore si scuso moltissimo per l'accaduto e mi propose di rimborsarmi la lavanderia. Maladorante e sfottuto dagli amici ripresi a mangiare finche non arrivo l'ora di togliere le tende. Pagammo il conto, e ci dividemmo ognuno verso la propria macchina, se non che giunto alla mia mi resi conto che non trovavo più il cellulare. Tornai indietro nel locale che ormai era chiuso,bussai ma nessun mi aprii, allora decisi di andare verso il retro dove di solito la sta la cucina. Mentre mi recavo sul retro iniziai a sentire degli urli disperati, ma giunto alla porta della cucina bussai ed essendo la porta aperta entrai. Mi apparse una scena poco piacevole:il titolare del ristorante era coi pantaloni abbassati sino alle ginocchia, con Cen Win inginocchiata davanti a lui, intenta a fargli un bel pompino, o meglio la testa di Cen Win era tra le mani del Cinese che la manovrava in un gesto orale. I due si accorserò di me ed il padrone tra l'imbarazzato ed il curioso mi chiese cosa volevo e che il ristorante era chiuso. Cen Win colse l'occasione al volo e scappo dalla cucina. Spiegai che avevo perso il mio telefono ed allora
"Mr Mandarino" si calmo e mi aiuto a cercarlo. Capii che quello che stava accadendo non era voluto da entrambi gli asiatici, ma forse era una sorta di prestazione professionale. Preso il mio telefono tornai verso la macchina e mi incaminai verso strada.passai davanti alla fermata dell'autobus e vidi la piccola Cen Win, seduta lì da sola. Fermai la macchina e scesi a parlarle. Quando mi vide si vergogno e non volle subito parlare con me, ma gli spiegai che a quell'ora di autobus non ne passavano più è che era pericolosa per lei stare lì, cosi mi offrii di portarla a casa. Lei scoppio a piangere e mi racconto che lei abitava a casa del titolare del ristorante, che tra l'altro era il fratello di suo padre e che non voleva stare li perche lui la costringere ad avere rapporti sessuali. L'abbracciai e con molta diplomazia la caricai in macchina e la portai a casa mia. era stanca e disperata, si addormento sul divano, mentre i andai a dormire in camera mia. La mattina, verso le nove di mattina mi svegliai, trovai la tavola imbandita e Cen Win vestita con 1 mia tuta. Chiese subito scusa di essersi appropriata dei miei vestiti, ma si era fatta una doccia e non aveva un cambio, gli sorrisi e gli dissi di non preoccuparsi.Mi ringrazio per quello che avevo fatto per lei la sera prima e mi chiese con gli occhi pieni di malizia come poteva sdebitarsi con me, se avevo voglia di un bel massaggio rilassante.Gli dissi che forse più tardi lo avrei gradito, ma ora dovevo farmi un bagno e cosi feci. Entrai in bagno e non essendo abituato ad avere ospiti non chiusi la porta a chiave. Aprii l'acqua e mi infilai nella vasca da bagno per un poco di relax.Pochi minuti passarono, quando sentii aprire la porta e vedere uno spettacolo esaltante Cen Win completamente nuda, nella sua bellezza quasi fanciullesca.Entro nella vasca da bagno, senza proferire parola, si avvicino e mi bacio con avidita, muovendo la lingua come un mulinello impazzito.Mentre le nostre lingue si davano reciproco piacere, le sue mani iniziarono ad accarezzarmi i genitali, che nonostante la posizione ed il posto non proprio comodo iniziarono a svegliarsi.Con difficolta, chi ha fatto sesso in una vasca da bagno puo capirmi, iniziammo lungi palpeggiamenti, finche non mi rizzai in piedi e gli avvicinai il cazzo alla faccia, come aveva già fatto lo zio la sera prima.Questa volta Cen Win non si ribello ed anzi prese la mia modesta attrezzatura di piacere dentro la sua bocca inziando un lento e fantastico bocchino. La maestria di Cen Win nell'arte del pompino mi fece pensare che fosse una esperta, ma evitai di chiederlo. Pompa che ti pompa senti lo scroto pronto a scaricare e penso che anche lei se ne accorse, perche accellerò il ritmo fino a farmi riversare nella sua bocca tre o quattro schizzi di sperma, che l'orientale trangugio senza problemi.Staccata la sua bocca dal cazzo mi ributtai nella vasca e l'abbracciai dolcemente stuzzicandole il clitoride, che spuntava da una passerina completamente depilata.I capezzoli si facevano turgidi sotto le mie carezze ed alla mia richiesta di essere leccata tra le gambe, sorrise e si alzo in piedi mostrandomi il suo eden perduto.La mia lingua si fece strada dentro di lei, che inizio a contorcersi ed a emetter gridolini stridoli, passarono una ventina di minuti tra piluccamenti e palpate varie, finche il mio fido compagno alzo di nuovo la testa. Lei se ne accorse e mi disse: Facciamo amole lungo lungo in letto? sorrisi ed uscii dalla vasca, prendendola per mano e portandola in camera da letto. Mi stesi e lei mi sali sopra a cavalcioni, indirizzo il mio cazzo nella sua figa ed inizio a cavalcarmi. Questa volta i miei testicoli erano meno pronti a scaricare sperma dentro di lei, cosi potei montarla lungamente, al punto che lei si stanco di essere la mia amazzone e smonto da sopra dicendomi che era ora che la chiavassi io. La misi a pecora ed avvicinai il mio cazzo nella sua passerina stretta e rovente, ed iniziai a stantuffarla per bene, ma ancora tardavo a venire, mentre lei sembrava la fiera della lumaca da quanto sbava bianca emetteva dalle labbra.Ero stanco anche io e quando Lei crollo sul letto io la segui, facevo fatica ad assestare altri corpi dentro la sua figettina, cosi gli chiesi se lo aveva mai preso in culo, e lei tra il terrorizzato e lo schifato mi disse di no. Nella mia mente da allora ci fu soltanto un desiderio, aprirle in 2 il buco del culo.Iniziai a leccarglielo, passata di lingua dopo passata, finche non ebbe un ennesimo orgasmo, cosi decisi di romperle il culo. La stesi con la schiena sul letto, le alzai le gambe e con un colpo secco, da bastardo, infilai tutto il mio arnese dentro il suo culo vergine, come comprovo la perdita di sangue da li a poco. La pompai nel culo per altri 5 minuti, finche gli sborai dentro. Esausti ci abbracciamo e restammo a dormire fino al pomeriggio inoltrato. La sera la mia Cen Win volle ripetere quanto avevamo fatto nella mattinata e cosi fu, ma non si può vivere di solo sesso, perciò dovevamo trovare una soluzione per lei, e fu quella che di andare a lavorare in un altro ristorante di un mio amico, ed una volta a settimana, Cen Win si fa cucinare da me!

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
21/12/2005 22:28

amole

amole facciamo amole..le asiatiche son tutte brutteeee

20/08/2005 11:34

sandro

Don Giuseppino mi piacerebbe conoscerla, almeno per email

20/08/2005 00:30

MAESTRO

MA CHE CAZZATA

17/08/2005 23:33

Don Giuseppino

Banda di pervertiti!

16/08/2005 10:09

Magellano

Max il Ricchione sei tu visto che scrivi "magari ti capita qualche nero ogni tanto che inculo nella vasca"... Oppure sei analfabeta?

14/08/2005 16:53

MAX

bella storia davvero mi hai commosso!!!!!!!!! dovresti far parte della caritas magari ti capita qualche nero ogni tanto che inculo nella vasca.RICCHIONEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!

05/12/2005 22:38

rennes le chateau

che cazzata!!!

02/09/2005 19:59

me

facciamo amole..........hahahahahh che cazzata!!!!!!!!!!

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati